Al via l’Operazione Estratto Conto per dipendenti pubblici

operazione estratto contoL’INPS lancia “Operazione Estratto Conto”, una nuova campagna informativa sul consolidamento della banca dati delle posizioni assicurative dei dipendenti pubblici. L’obiettivo dell’iniziativa è di sistemare l’estratto conto contributivo degli stessi lavoratori: in questo modo sarà possibile ottenere una posizione assicurativa completa, congruente e certificata, che consenta all’Istituto di definire nei giusti tempi le prestazioni cui l’iscritto ha diritto.

I soggetti interessati sono tutti i lavoratori della Gestione pubblica iscritti alla Cassa Dipendenti Enti Locali (CPDEL), Cassa Pensioni Sanitari (CPS), Cassa Pensioni Insegnanti (CPI), Cassa Pensioni Ufficiali Giudiziari (CPUG) e Cassa Trattamenti Pensionistici dello Stato (CTPS).

Il progetto, presentato in occasione della XXXV Assemblea nazionale dell’ANCI, è stato illustrato anche nel corso della conferenza stampa tenutasi lo scorso 13 novembre a Roma alla presenza del Presidente INPS Tito Boeri.

“Operazione Estratto Conto” consentirà, entro la fine dell’anno, l’apertura del servizio online “La mia pensione futura” a un primo gruppo di 500 mila dipendenti pubblici appartenenti agli enti locali e, successivamente, a tutti i restanti contribuenti. Contestualmente, sarà inviato un nuovo lotto di buste arancioni per poter controllare il proprio estratto conto contributivo e simulare l’importo della propria pensione futura.

Per la riuscita delle operazioni di sistemazione delle posizioni assicurative e della completezza del conto assicurativo occorre una forte sinergia tra INPSdatore di lavoro/ente locale e iscritto. È grazie all’interazione tra questi tre attori che si arriva ad ottenere un estratto conto virtuoso.

Tutte le informazioni riportate di seguito sono disponibili anche nell’infografica Operazione Estratto Conto.

Cosa fa INPS

L’Istituto ha in carico la gestione delle posizioni assicurative dei dipendenti pubblici, svolgendo compiti di natura organizzativa, formativa e informatica.

L’INPS, in costanza di una posizione assicurativa completa, congruente e certificata, attribuisce all’iscritto le prestazioni alle quali ha diritto.

Gli adempimenti del datore di lavoro pubblico

Il datore di lavoro pubblico trasmette all’INPS i dati anagrafici e previdenziali dei propri dipendenti. Inoltre, verifica la correttezza di tali dati provvedendo, eventualmente, alla loro integrazione. Il datore di lavoro si occupa anche di eseguire la sistemazione della singola posizione assicurativa.

Il ruolo dell’iscritto

Il dipendente pubblico è parte attiva in questo processo:

  • consulta il proprio estratto conto online;
  • verifica incongruenze o scoperture nei periodi di servizio e nelle retribuzioni presenti nel conto;
  • segnala al proprio datore di lavoro e all’INPS gli eventuali errori o le scoperture riscontrate con la Richiesta di Variazione Posizione Assicurativa (RVPA) e dà impulso alle attività di verifica e correzione del dato.

 
 

Autore dell'articolo: Dott. Paolo Casini

Si è laureato nel 2010 in Consulenza del Lavoro, presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Padova, con una tesi sulla pianificazione nella successione d'impresa. Dal 2015 è abilitato all'esercizio della Professione di Consulente del Lavoro, collaborando con importanti Studi di Consulenza del Lavoro di Padova. Nel 2016 ha conseguito un Master in Diritto del Lavoro e della Previdenza Sociale presso l'Università Ca' Foscari di Venezia e, sempre dallo stesso anno, collabora in qualità di autore con il portale FISCOeTASSE, per il quale realizza articoli di approfondimento legati a tematiche Giuslavoristiche. Dal 2017 è inoltre titolare dello Studio Felsineo, Studio di Consulenza del Lavoro di Bologna.   Si occupa principalmente di consulenza in materia di Diritto del Lavoro, Amministrazione del Personale, aziende del settore Edile e di Scuole Private.

Lascia una commento

avatar
  Subscribe  
Notificami