CTP Reggio Emilia: Nuovo Redditometro Illegittimo.

Nuovo Redditometro illegittimo: Sentenza CTP Reggio Emilia

Con Sentenza 18 aprile 2013, n. 74.04.13, la Commissione tributaria provinciale di Reggio Emilia ha dichiarato l’illegittimità del nuovo Redditometro come attuato dal D.M. 24 dicembre 2012, n. 65648.

In particolare, i giudici emiliani hanno affermato che il Redditometro è stato emanato al di fuori:

  • del perimetro disegnato dalla normativa primaria dei suoi presupposti;
  • e della legalità costituzionale e comunitaria.

Infatti, il citato Decreto prende in considerazione le spese medie delle famiglie, così come stimate dall’ISTAT, nonostante la norma relativa all’accertamento sintetico (art. 38, D.P.R. n. 600/73) faccia riferimento al singolo contribuente.

Inoltre, la raccolta di tutte le spese effettuate (tra cui anche quelle farmaceutiche e per eventuali iscrizioni ad associazioni culturali), priverebbe il contribuente del “diritto ad avere una vita privata”, in violazione di quanto sancito dalla Costituzione (artt. 2 e 13) e dalla Carta dei diritti fondamentali della UE (artt. 1, 7 e 8).

Infine, il nuovo Redditometro violerebbe il diritto alla difesa (artt 24, Costituzione e art. 38, D.P.R. n. 600/73) in quanto non dà la possibilità di fornire la prova di aver speso meno rispetto a quanto risulta dalle medie ISTAT.

Fonte: Seac News

Autore dell'articolo: Dott. Paolo Casini

Si è laureato nel 2010 in Consulenza del Lavoro, presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Padova, con una tesi sulla pianificazione nella successione d’impresa.

Dal 2015 è abilitato all’esercizio della Professione di Consulente del Lavoro, collaborando con importanti Studi di Consulenza del Lavoro di Padova.

Nel 2016 ha conseguito un Master in Diritto del Lavoro e della Previdenza Sociale presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia e, sempre dallo stesso anno, collabora in qualità di autore con il portale FISCOeTASSE, per il quale realizza articoli di approfondimento legati a tematiche Giuslavoristiche.

Dal 2017 è inoltre titolare dello Studio Felsineo, Studio di Consulenza del Lavoro di Bologna.  

Si occupa principalmente di consulenza in materia di Diritto del Lavoro, Amministrazione del Personale, aziende del settore Edile e di Scuole Private.

Lascia una commento

Lasciaci il tuo parere!

Rispondi

wpDiscuz