730 Precompilato: opporsi all’inserimento delle Spese Sanitarie

opporsi all'inserimento delle Spese SanitarieCon riferimento alla dichiarazione dei redditi precompilata, il contribuente, per , se vuole ha tempo fino all’08/03/2018 per opporsi all’inserimento delle spese sanitarie (MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE – Comunicato 23 febbraio 2018, n. 35).

I cittadini, con la predisposizione da parte dell’Agenzia delle Entrate della dichiarazione dei redditi precompilata, hanno la possibilità fino all’8 marzo 2018 di accedere al sito www.sistemats.it della Ragioneria Generale dello Stato per consultare online le proprie spese sanitarie sostenute nell’anno 2017.

Il cittadino che entra nel sito www.sistemats.it nella sezione “area riservata” può visualizzare i dati che lo riguardano utilizzando le proprie credenziali Fisconline rilasciate dall’Agenzia delle Entrate, oppure con la tessera sanitaria con microchip (Carta nazionale dei servizi – CNS) abilitata.

Le spese consultabili sono quelle documentate dagli scontrini, ricevute fiscali e fatture, emesse dalle strutture sanitarie (farmacie, parafarmacie, Asl, laboratori, ambulatori, ospedali, case di cura, ottici, etc), dai medici chirurghi, odontoiatri, psicologi, veterinari, nonché dai professionisti sanitari (infermieri, tecnici di radiologia), i quali hanno provveduto a trasmettere informaticamente tali dati al Sistema Tessera Sanitaria entro l’8 febbraio 2018.

La consultazione, in osservanza del sistema di tutela della privacy, è finalizzata a consentire al cittadino di fare “opposizione”, impedendo in tal modo all’Agenzia delle entrare di inserire automaticamente nella dichiarazione dei redditi precompilata le proprie spese sanitarie.

Resta la facoltà per il contribuente di inserire per conto proprio le spese sanitarie nella dichiarazione dei redditi per ottenere le relative detrazioni.

Autore dell'articolo: Dott. Paolo Casini

Si è laureato nel 2010 in Consulenza del Lavoro, presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Padova, con una tesi sulla pianificazione nella successione d'impresa. Dal 2015 è abilitato all'esercizio della Professione di Consulente del Lavoro, collaborando con importanti Studi di Consulenza del Lavoro di Padova. Nel 2016 ha conseguito un Master in Diritto del Lavoro e della Previdenza Sociale presso l'Università Ca' Foscari di Venezia e, sempre dallo stesso anno, collabora in qualità di autore con il portale FISCOeTASSE, per il quale realizza articoli di approfondimento legati a tematiche Giuslavoristiche. Dal 2017 è inoltre titolare dello Studio Felsineo, Studio di Consulenza del Lavoro di Bologna.   Si occupa principalmente di consulenza in materia di Diritto del Lavoro, Amministrazione del Personale, aziende del settore Edile e di Scuole Private.

Lascia una commento

Lasciaci il tuo commento!

avatar
  Subscribe  
Notificami