Fondazione Studi Consulenti del Lavoro: prime FAQ sulla Tracciabilità delle Retribuzioni

Tracciabilità delle RetribuzioniCon l’Approfondimento del 3 agosto 2018, la Fondazione Studi dei  fornisce alcune importanti precisazioni in merito al nuovo obbligo di Tracciabilità delle Retribuzioni.

Infatti, dal 1° luglio 2018, a seguito delle novità introdotte dall’art. 1, c. 910 – 914 della Legge n. 205/2017, i datori di lavoro o committenti devono corrispondere ai lavoratori la retribuzione, nonché ogni anticipo di essa, attraverso una banca o ufficio postale con una delle seguenti modalità:

  • bonifico su conto identificato dal codice IBAN indicato dal lavoratore;
  • strumenti di pagamento elettronico;
  • pagamento in contanti presso lo sportello bancario o postale dove il datore di lavoro abbia aperto un conto corrente di tesoreria con mandato di pagamento;
  • emissione di un assegno consegnato direttamente al lavoratore o, in caso di suo comprovato impedimento, a suo delegato.

 

Nell’approfondimento della Fondazione Studi dei Consulenti del Lavoro, vengono analizzati alcuni punti critici, in particolare riguardanti la tipologia di rapporti di lavoro coinvolti, l’utilizzo di carte prepagate, gli anticipi di cassa per rimborsi spese, le di trasferta ed i risvolti sanzionatori del nuovo obbligo di tracciabilità.

 
 

LEGGI L’APPROFONDIMENTO

 
 
 

Autore dell'articolo: Dott. Paolo Casini

Si è laureato nel 2010 in Consulenza del Lavoro, presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Padova, con una tesi sulla pianificazione nella successione d'impresa. Dal 2015 è abilitato all'esercizio della Professione di Consulente del Lavoro, collaborando con importanti Studi di Consulenza del Lavoro di Padova. Nel 2016 ha conseguito un Master in Diritto del Lavoro e della Previdenza Sociale presso l'Università Ca' Foscari di Venezia e, sempre dallo stesso anno, collabora in qualità di autore con il portale FISCOeTASSE, per il quale realizza articoli di approfondimento legati a tematiche Giuslavoristiche. Dal 2017 è inoltre titolare dello Studio Felsineo, Studio di Consulenza del Lavoro di Bologna.   Si occupa principalmente di consulenza in materia di Diritto del Lavoro, Amministrazione del Personale, aziende del settore Edile e di Scuole Private.

Lascia una commento

avatar
  Subscribe  
Notificami