Cassazione: condannato il Consulente dell’Azienda per la scarsa professionalità

Con la Sentenza n. 21643 del 19 settembre 2017, la Corte di Cassazione ha confermato la condanna, nei confronti del Commercialista e Consulente del Lavoro, al risarcimento del danno causato all’Azienda per la sua scarsa professionalità nella gestione dei rapporti di lavoro dell’Azienda Cliente. In particolare, il Consulente non aveva consigliato all’Azienda di procedere al […]

cassazione

Lavoratore pedinato durante le Trasferte: licenziamento legittimo

Pedinato durante le Trasferte: con la Sentenza n. 17723/2017, pubblicata in data 18/07/2017, la Corte di Cassazione ha stabilito la totale legittimità del licenziamento intimato al lavoratore che durante le trasferte si assentava dal servizio, approfittando quindi dell’impossibilità da parte del datore di lavoro di verificare la corretta esecuzione della prestazione lavorativa. In particolare, la […]

Lavoro Part Time: in assenza della distribuzione dell’orario spetta il risarcimento del danno

Va riconosciuto il risarcimento del danno (e non necessariamente la trasformazione a tempo pieno) a favore del lavoratore con il quale si è stipulato un contratto part-time senza aver previsto per iscritto l’esatta distribuzione e collocazione oraria o giornaliera della prestazione lavorativa. Così si è espressa la Corte di Cassazione in sentenza 27553 del 30/12/2016. […]

Lavoratori ExtraUE Stagionali: circolare del Ministero del Lavoro

Il Ministero del Lavoro, con la Circolare n. 37 del 16 dicembre 2016, illustra le novità, in vigore dal 24 novembre 2016, introdotte dal Decreto Legislativo n. 203 del 29 ottobre 2016 che ha recepito la direttiva 2014/36/UE, sulle condizioni di ingresso e di soggiorno dei lavoratori ExtraUE stagionali. In particolare, il Ministero fornisce chiarimenti […]

Cassazione: licenziamento per lavoro svolto presso terzi durante la malattia

La Cassazione, con sentenza n. 19187 del 28/09/2016, ritorna in materia di licenziamento per lavoro svolto presso terzi durante la malattia: Nel nostro ordinamento non sussiste un divieto assoluto per il dipendente di prestare attività lavorativa, anche a favore di terzi, durante il periodo di assenza per malattia. Siffatto comportamento può, tuttavia, costituire giustificato motivo […]

Contestazione disciplinare: valgono sempre i 5 giorni per le giustificazioni?

In tema di licenziamento, laddove il lavoratore abbia fornito le sue giustificazioni prima della scadenza dei 5 giorni – senza manifestare alcuna esplicita riserva di ulteriori produzioni documentali o motivazioni difensive – nulla più osta all’immediata irrogazione della sanzione, senza che sia, a tal fine, necessario attendere il decorso della residua parte del termine (Cassazione […]

Licenziamento illegittimo per inidoneità fisica a mansioni diverse da quelle assegnate

E’ illegittimo il licenziamento per sopravvenuta inidoneità fisica all’impiego se riferita ad una mansione diversa da quella propriamente assegnata al lavoratore. Così si è espressa la Corte di cassazione con la recente sentenza nr. 24377/2015. La Corte d’appello, in riforma della decisione emessa dal Tribunale, dichiarava l’illegittimità del licenziamento intimato ad un lavoratore con condanna […]

Legittimo il demansionamento concordato per evitare il licenziamento

Nel caso in cui l’azienda sopprima l’attività lavorativa e il lavoratore rifiuti il trasferimento ad oltre centocinquanta chilometri dalla sua residenza, il patto di demansionamento sottoscritto dal lavoratore, senza restrizioni alla propria volontà, per evitare il licenziamento è da considerarsi legittimo.   È questa la conclusione cui giunge la Corte di Cassazione, che nella Sentenza […]

L’inabilità certificata dalla Commissione Medica Ospedaliera non sempre giustifica il licenziamento

La sopravvenuta totale inabilità al lavoro accertata dalla Commissione medica Ospedaliera, non è motivo sufficiente per licenziare la dipendente. Così si è espressa la Corte di Cassazione con la recente sentenza 12489/2015. La Corte d’appello rigettava il gravame interposto da una Casa di cura contro la pronuncia con cui il Tribunale – dichiarata l’illegittimità del […]

Dipendente costretto a subire il fumo passivo dei colleghi: risarcito per mobbing

Secondo la Corte di Cassazione costituisce mobbing fumare davanti ad un collega affetto da infiammazione alle vie respiratorie, costretto oltretutto a subire atti vessatori e ad essere emarginato, faticando a farsi assegnare le mansioni corrispondenti al suo inquadramento. Nello specifico la Suprema Corte, con la Sentenza n. 11789 dell’8 giugno 2015, ha sancito l’illiceità del […]

newsletter-flat

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER:

Iscriviti gratuitamente alla Newsletter di Paghe Facili: non perderai mai una notizia sul Diritto del Lavoro ed il mondo delle Risorse Umane!
Ogni martedì riceverai, direttamente nella tua mail, il riepilogo di tutte le notizie che vengono pubblicate sul sito!

Iscriviti alla Newsletter

Informativa sulla Privacy