Dipendente costretto a subire il fumo passivo dei colleghi: risarcito per mobbing

Secondo la Corte di Cassazione costituisce mobbing fumare davanti ad un collega affetto da infiammazione alle vie respiratorie, costretto oltretutto a subire atti vessatori e ad essere emarginato, faticando a farsi assegnare le mansioni corrispondenti al suo inquadramento. Nello specifico la Suprema Corte, con la Sentenza n. 11789 dell’8 giugno 2015, ha sancito l’illiceità del […]

Molteplici sanzioni disciplinari al lavoratore: non sempre configurano mobbing

Ai fini della evidenza del mobbing, devono risultare concretamente accertati gli intenti persecutori del datore di lavoro, che non possono essere ricondotti solo a normali e legittimi provvedimenti disciplinari nella facoltà del datore. La Corte di Cassazione ha respinto sul punto il ricorso di una lavoratrice licenziata, che nell’ambito dei motivi di ricorso aveva anche […]

Il lavoratore rifiuta il trasferimento? Legittimo il Licenziamento

In tema di licenziamento per giusta causa, la Corte di Cassazione ha statuito la legittimità del provvedimento espulsivo nei confronti del dipendente che rifiuta di trasferirsi presso la sede distaccata dell’azienda, a nulla rilevando i cambiamenti di mansioni assegnate ed il conseguente demansionamento. Nello specifico la Suprema Corte, con la Sentenza n. 10468 del 21 […]

Mobbing: responsabile anche il datore di lavoro che non interviene

In materia di lavoro, deve essere condannato per mobbing anche il datore di lavoro che resta inerte di fronte alle vessazioni imposte a una dipendente dal superiore gerarchico. Il datore di lavoro, infatti, una volta a conoscenza della situazione ha l’obbligo di intervenire immediatamente per far cessare la situazione e tutelare la propria lavoratrice (Corte […]

Gli viene tolta la segretaria personale e successivamente licenziato: per la Corte non è mobbing

Secondo la Corte di Cassazione non sussiste alcuna condotta di mobbing da parte del datore di lavoro nei confronti del dipendente, al quale è stata tolta la segretaria personale, mentre, al contrario, la cancellazione di documenti aziendali dal computer effettuata dallo stesso lavoratore ne giustifica il licenziamento disciplinare. Nello specifico la Suprema Corte, con la Sentenza […]

cassazione

Cassazione: niente mobbing se il dipendente svolge varie mansioni per sostituire i colleghi

Secondo la Corte di Cassazione non si configura alcuna ipotesi di mobbing nei confronti del dipendente chiamato a svolgere una pluralità di incarichi sostituendo colleghi assenti, dal momento che tali incarichi risultano comunque compatibili con le mansioni d’inquadramento del lavoratore. Nello specifico la Suprema Corte, con la Sentenza n. 4174 del 2 marzo 2015, ha […]

Cassazione: nessun risarcimento da mobbing per eccessivo carico di lavoro

La Corte di Cassazione ha statuito l’insussistenza del diritto al risarcimento dei danni da mobbing a favore del dipendente colpito da infarto, imputabile allo stress da eccessivo carico lavorativo, nonché alle continue vessazioni da parte del superiore. Nello specifico la Suprema Corte, con la Sentenza n. 8804 del 15 aprile 2014, ha respinto l’istanza di […]

Cassazione: mobbing escluso in caso di mania di persecuzione del dipendente

La Corte di Cassazione con la Sentenza n. 1149 pubblicata il 21 gennaio 2014 ha escluso il risarcimento del danno al lavoratore che ritiene di essere “mobbizzato” da tutti i superiori gerarchici: è improbabile, infatti, che tutti i superiori abbiano un atteggiamento vessatorio nei confronti del lavoratore. La Suprema Corte di fatto ritiene che il […]

Cassazione: niente mobbing se il datore di lavoro ritiene il dipendente mediocre

Il datore di lavoro, nelle “note di qualifica” redatte per ogni dipendente, valuta come “mediocre” l’apporto lavorativo di una dipendente, che ricorre in giudizio denunciando il datore di lavoro per comportamenti persecutori e ostili nei suoi confronti (mobbing), chiedendo un indennizzo per risarcire il danno biologico, esistenziale e alla professionalità per la valutazione redatta. La […]

Cassazione: licenziamento legittimo del lavoratore che registra le conversazioni dei colleghi per provare il mobbing

La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 26143 del 21 novembre 2013, ha legittimato il licenziamento del lavoratore che registrava le conversazioni dei colleghi per provare il mobbing messo in atto, a suo dire, dai suoi stessi colleghi. La Suprema Corte, nel caso in specie, ha ritenuto fondato il motivo adotto dall’azienda nel provvedimento […]

newsletter-flat

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER:

Iscriviti gratuitamente alla Newsletter di Paghe Facili: non perderai mai una notizia sul Diritto del Lavoro ed il mondo delle Risorse Umane!
Ogni martedì riceverai, direttamente nella tua mail, il riepilogo di tutte le notizie che vengono pubblicate sul sito!

Iscriviti alla Newsletter

Informativa sulla Privacy