Simulazione calcolo pensione INPS: online l’applicativo

Simulazione calcolo pensioneL’Inps ha introdotto un nuovo servizio on-line, denominato “La mia pensione”, per simulare quella che sarà presumibilmente la pensione che si riceverà al termine della attività lavorativa.

Il calcolo della pensione tiene conto della normativa attualmente in vigore e si basa su 3 fondamentali elementi:

  1. l’età,
  2. la storia lavorativa,
  3. la retribuzione/reddito.

Possono usufruire del servizio i lavoratori con contribuzione versata al Fondo Lavoratori Dipendenti, alle Gestioni Speciali dei Lavoratori Autonomi (Artigiani e Commercianti,  Coltivatori diretti, coloni e mezzadri), e alla Gestione separata, con rilasci successivi per fasce di età:

  • dal 1° maggio, i lavoratori sotto i 40 anni;
  • dal 1° giugno, i lavoratori sotto i 50 anni;
  • dal 1° luglio, tutti i lavoratori sopra i 50 anni.

lamiapensione

Il servizio permette all’utente di:

  • controllare i contributi che risultano versati in Inps e accedere, eventualmente, al servizio di segnalazione contributiva per comunicare all’Inps i periodi di contribuzione mancanti;
  • conoscere la data in cui si matura il diritto alla pensione di vecchiaia o anticipata;
  • calcolare l’importo stimato della pensione “a moneta costante”, prescindendo cioè dall’andamento dell’inflazione;
  • ottenere una stima del rapporto fra la prima rata di pensione e l’ultimo stipendio (tasso di sostituzione).

Per confrontare diversi scenari e operare le scelte per costruire la propria futura pensione, il servizio consente di effettuare differenti simulazioni, modificando:

  • la retribuzione dell’anno in corso e l’andamento percentuale annuo, per verificare come retribuzioni diverse possano incidere sull’importo della futura pensione;
  • la data di pensionamento, per stimare l’effetto economico di un posticipo;
  • una combinazione delle due variabili retribuzione e data di pensionamento.

Dal 2016, il servizio sarà disponibile anche per i dipendenti pubblici e per  i lavoratori con contribuzione versata agli altri Fondi e Gestioni amministrate dall’Inps.

Per accedere al servizio è necessario avere il PIN ordinario. Per chi non è in possesso del PIN, lo si può richiedere online, dalla sezione Il PIN online del sito www.inps.it.

Accedi al servizio web2

Fonte: INPS

 

Autore dell'articolo: Dott. Paolo Casini

Si è laureato nel 2010 in Consulenza del Lavoro, presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Padova, con una tesi sulla pianificazione nella successione d’impresa.

Dal 2015 è abilitato all’esercizio della Professione di Consulente del Lavoro, collaborando con importanti Studi di Consulenza del Lavoro di Padova.

Nel 2016 ha conseguito un Master in Diritto del Lavoro e della Previdenza Sociale presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia e, sempre dallo stesso anno, collabora in qualità di autore con il portale FISCOeTASSE, per il quale realizza articoli di approfondimento legati a tematiche Giuslavoristiche.

Dal 2017 è inoltre titolare dello Studio Felsineo, Studio di Consulenza del Lavoro di Bologna.  

Si occupa principalmente di consulenza in materia di Diritto del Lavoro, Amministrazione del Personale, aziende del settore Edile e di Scuole Private.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *