Nuova modalità di computo lavoratori a Tempo Determinato per applicazione dello Statuto dei Lavoratori

L’articolo 12 della legge 6 agosto 2013, n. 97, riscrive completamente l’articolo 8 del decreto legislativo n. 368/2001 per quanto riguarda il computo dei lavoratori ai fini dell’applicazione della Legge n. 300/1970 (Statuto dei Lavoratori). Il calcolo avviene sul numero medio mensile di tutti i lavoratori a termine impiegati negli ultimi due anni sulla base dell’effettiva durata del rapporto di lavoro.

Inoltre, l’articolo 12 utilizza la stessa modalità per il calcolo delle aziende ai fini dell’informazione e alla consultazione dei lavoratori di calcolo (articolo 3 del decreto legislativo 6 febbraio 2007,  n.  25).

In sede di prima applicazione della legge, il computo dei dipendenti a è effettuato alla data del 31 dicembre 2013, con riferimento al biennio antecedente a tale data.

Art. 12 

Disposizioni in materia di lavoro a tempo determinato.  Procedura  di
                        infrazione 2010/2045. 

  1. L'articolo 8 del decreto legislativo 6 settembre 2001,  n.  368,
e' sostituito dal seguente: 
  «Art. 8 (Criteri di computo). - 1. I limiti prescritti dal primo  e
dal secondo comma dell'articolo 35 della legge  20  maggio  1970,  n.
300, per il computo dei dipendenti si basano sul numero medio mensile
di lavoratori a tempo determinato impiegati negli  ultimi  due  anni,
sulla base dell'effettiva durata dei loro rapporti di lavoro». 
  2. All'articolo 3 del decreto legislativo 6 febbraio 2007,  n.  25,
il comma 2 e' sostituito dal seguente: 
  «2. La soglia numerica occupazionale e' definita nel rispetto delle
norme di legge e si basa sul  numero  medio  mensile  dei  lavoratori
subordinati, a tempo determinato ed  indeterminato,  impiegati  negli
ultimi due anni, sulla base dell'effettiva durata dei  loro  rapporti
di lavoro». 
  3. In sede di prima applicazione delle disposizioni di cui ai commi
1 e 2, il computo dei dipendenti a tempo  determinato  ai  sensi  dei
medesimi commi e' effettuato alla data  del  31  dicembre  2013,  con
riferimento al biennio antecedente a tale data.

 

 

Fonte: DPL Modena

Autore dell'articolo: Dott. Paolo Casini

Si è laureato nel 2010 in Consulenza del Lavoro, presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Padova, con una tesi sulla pianificazione nella successione d’impresa.

Dal 2015 è abilitato all’esercizio della Professione di Consulente del Lavoro, collaborando con importanti Studi di Consulenza del Lavoro di Padova.

Nel 2016 ha conseguito un Master in Diritto del Lavoro e della Previdenza Sociale presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia e, sempre dallo stesso anno, collabora in qualità di autore con il portale FISCOeTASSE, per il quale realizza articoli di approfondimento legati a tematiche Giuslavoristiche.

Dal 2017 è inoltre titolare dello Studio Felsineo, Studio di Consulenza del Lavoro di Bologna.  

Si occupa principalmente di consulenza in materia di Diritto del Lavoro, Amministrazione del Personale, aziende del settore Edile e di Scuole Private.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *