News Lavoro del 11 Dicembre 2012

Via libera degli esperti alla revisione di 68 per il 2012:
Con Comunicato stampa 6 dicembre 2012, l’Agenzia delle Entrate ha reso noto che la Commissione degli esperti ha dato parere positivo in merito alla revisione di 68 studi di settori, relativi ai comparti di manifatture, servizi, commercio e attività professionali. La Commissione di esperti, inoltre:
– ha proposto di approvare la “Territorialità del livello delle quotazioni delle locazioni immobiliari” che ha come obiettivo la differenziazione del territorio nazionale sulla base dei valori di mercato degli per comune, provincia, regione ed area;
– ha condiviso l’impossibilità di utilizzare retroattivamente, in fase di accertamento, gli studi di settore in approvazione per il periodo d’imposta 2012, poiché costruiti su base 2010 (un anno di crisi).

OIC 21, 22, 23: alcune delle novità in consultazione:
In relazione all’ultimo set di bozze di principi contabili pubblicati dall’OIC sul proprio sito internet (si veda SEACINFO del 10 dicembre 2012) sono previste, tra l’altro, le seguenti novità:
– l’OIC 21, sulle partecipazioni, precisa che la contabilizzazione dei dividendi sotto forma di azioni proprie non comporta la rilevazione di un provento;
– l’OIC 22, in materia di trattamento di garanzie, impegni e altri conti d’ordine vieta la duplicazione degli accadimenti già oggetto di rilevazione nello stato patrimoniale, nel conto economico e/o nella nota integrativa. Nei conti d’ordine, pertanto, non rientrano i beni della società presso terzi e i depositi cauzionali ricevuti;
– l’OIC 23 prevede che in presenza di commesse di durata ultrannuale è preferibile applicare il criterio della percentuale di completamento in presenza di determinate condizioni; in caso contrario, si applica il criterio della commessa completata. Diversamente, in presenza di commesse di breve termine, è possibile applicare il criterio della commessa completata (in quanto non produce normalmente effetti distorsivi) o il criterio della percentuale di completamento.

Studio associato e autonoma organizzazione: Ordinanza Corte di :
Con Ordinanza 10 dicembre 2012, n. 22506, la Corte di Cassazione ha stabilito che, in caso di assenza di personale dipendente, modesti compensi per i collaboratori ed esigue spese per beni strumentali, per gli studi associati non sussiste autonoma organizzazione, e di conseguenza non sono soggetti ad (art. 3, D.Lgs. n. 446/1997). Questo in contrasto con pronunce precedenti, le quali prevedevano l’assoggettazione degli studi associati all’imposta anche nei suddetti casi.

Il “mini-contratto” a termine rilevante ai fini del computo dei 15 dipendenti:
Il lavoratore assunto con un contratto a termine, per quanto di breve durata, deve essere computato nel numero dei dipendenti ai fini dell’applicazione dell’articolo 18 in tema di tutela reale nei licenziamenti, qualora l’attività svolta dallo stesso sia tale da ritenere esclusa “l’esigenza momentanea e contingente”. La Corte di Cassazione, nella Sentenza n. 22396 del 10 dicembre 2012, ha infatti adottato tale criterio nei confronti di un’azienda che impiegava lavoratori in nero fittiziamente assunti presso terzi, nonché un’impiegata a termine con contratto di tre mesi, appositamente per non rientrare nella tutela reale prevista dall’art. 18 della Legge n. 300/1970. Computandosi tali lavoratori, l’azienda deve rispettare quanto previsto in tutela reale e il licenziamento da cui nasce il giudizio è illegittimo.

Non riconosciuto il per al lavoratore licenziato per insubordinazione: In tema di licenziamento disciplinare, la Corte di Cassazione ha statuito la piena legittimità del provvedimento espulsivo nei confronti del dipendente, che non svolge bene le proprie mansioni e si rende protagonista di continui comportamenti scorretti, nonché di insubordinazione. Nello specifico la Suprema Corte, con la Sentenza n. 22393 del 10 dicembre 2012, oltre a confermare la liceità del licenziamento per giusta causa, ha precisato che al lavoratore non spetta alcun per il presunto mobbing subito.

Autore dell'articolo: Dott. Paolo Casini

Si è laureato nel 2010 in Consulenza del Lavoro, presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Padova, con una tesi sulla pianificazione nella successione d’impresa.

Dal 2015 è abilitato all’esercizio della Professione di Consulente del Lavoro, collaborando con importanti Studi di Consulenza del Lavoro di Padova.

Nel 2016 ha conseguito un Master in Diritto del Lavoro e della Previdenza Sociale presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia e, sempre dallo stesso anno, collabora in qualità di autore con il portale FISCOeTASSE, per il quale realizza articoli di approfondimento legati a tematiche Giuslavoristiche.

Dal 2017 è inoltre titolare dello Studio Felsineo, Studio di Consulenza del Lavoro di Bologna.  

Si occupa principalmente di consulenza in materia di Diritto del Lavoro, Amministrazione del Personale, aziende del settore Edile e di Scuole Private.

Lascia una commento

Lasciaci il tuo parere!

Rispondi

wpDiscuz