News Lavoro del 03 Gennaio 2013

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il MUD:
È stato pubblicato sul Supplemento Ordinario n. 213 alla Gazzetta Ufficiale 29 dicembre 2012, n. 302, il modello unico di dichiarazione ambientale (MUD) per l’anno 2013.
Si ricorda che il modello, approvato con D.P.C.M. 20 dicembre 2012, deve essere utilizzato fra l’altro da Comuni o loro Consorzi e dalle comunità montane oltre agli altri operatori che, in attesa della piena operatività del Sistri, hanno continuato ad avvalersi di registri cartacei di carico e scarico dei rifiuti.
Il modello deve essere presentato entro il prossimo 30 aprile 2013, con riferimento alle informazioni relative all’anno 2012.

Diritto annuale invariato per il 2013:
Con Nota 21 dicembre 2012 (n. 0261118), il Ministero dello ha precisato che le misure del diritto annuale dovute dalle imprese iscritte al Registro imprese e al Rea per il 2013 rimangono invariate e sono quelle definite con D.M. 21 aprile 2011.
Saranno applicabili quindi anche nel 2013 le disposizioni contenute nel sopracitato Decreto riguardanti misure fisse, fasce e aliquote di fatturato.

Deposito bilanci – maggiorazione dei diritti di segreteria:
Con Decreto 21 dicembre 2012, c.d. “Decreto OIC 2013”, in vigore dal 1° gennaio 2013, il Ministero dello Sviluppo Economico, di concerto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze, ha definito la misura della maggiorazione dei diritti di segreteria dovuti alle camere di commercio per il deposito dei bilanci presso il registro delle imprese da parte delle società, finalizzata al finanziamento dell’OIC.
La maggiorazione, per l’anno 2013, è di 2,70 euro (stesso importo previsto per l’anno 2012), portando l’importo dei diritti di segreteria a 92,70 euro per la presentazione su supporto informatico digitale e a 62,70 euro per la presentazione con modalità telematica.
Si ricorda che per le cooperative sociali l’importo è di 47,70 euro se il bilancio è presentato su supporto digitale e 32,70 euro se presentato in modalità telematica.

Colf e badanti – versamento dei contributi relativi al IV trimestre 2012:
Si ricorda che giovedì 10 gennaio 2013 è l’ultimo giorno utile per effettuare il versamento dei contributi previdenziali relativi al trimestre ottobre – dicembre 2012 per il personale domestico.
Il versamento può essere effettuato tramite:
– MAV, pagamento mediante avviso inviato dall’INPS o generato attraverso il sito www.inps.it;
– rivolgendosi ai soggetti aderenti al circuito “Reti Amiche” (tabaccherie abilitate, sportelli bancari Unicredit Spa o sito internet del gruppo Unicredit Spa; sportelli di Poste Italiane);
– tramite carta di credito online sul sito www.inps.it o telefonando al Contact Center numero verde gratuito 803164;

Retribuzioni convenzionali anno 2013 – pubblicato il decreto in Gazzetta Ufficiale:
È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29 dicembre 2012, il Decreto 7 dicembre 2012 con il quale il Ministero del Lavoro fissa, per l’anno 2013, le retribuzioni convenzionali, differenziate per categoria di appartenenza (operai, impiegati, quadri e ) e settori di attività, da utilizzare per il calcolo di contributi e dei lavoratori italiani operanti all’estero.

Niente licenziamento in caso di rifiuto di altro posto offerto precedentemente dal datore:
In materia di licenziamento, la Corte di ha statuito l’illegittimità del provvedimento espulsivo per contrazione dell’organico aziendale, nei confronti del dipendente che pochi mesi prima aveva rifiutato il passaggio in un’altra impresa del medesimo gruppo con meno di 15 dipendenti e, quindi, senza possibilità di tutela reale.
Nello specifico la Suprema Corte, con la Sentenza n. 6 del 2 gennaio 2013, ha precisato che non è configurabile il giustificato motivo oggettivo nel licenziamento e risulta violato il principio di buona fede nell’esecuzione del contratto di lavoro, dal momento che la precedente proposta di ricollocazione nel gruppo imprenditoriale non faceva alcun riferimento ad una possibile soppressione del posto occupato all’epoca dal dipendente.

Fonte: Seac News

Autore dell'articolo: Dott. Paolo Casini

Si è laureato nel 2010 in Consulenza del Lavoro, presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Padova, con una tesi sulla pianificazione nella successione d’impresa.

Dal 2015 è abilitato all’esercizio della Professione di Consulente del Lavoro, collaborando con importanti Studi di Consulenza del Lavoro di Padova.

Nel 2016 ha conseguito un Master in Diritto del Lavoro e della Previdenza Sociale presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia e, sempre dallo stesso anno, collabora in qualità di autore con il portale FISCOeTASSE, per il quale realizza articoli di approfondimento legati a tematiche Giuslavoristiche.

Dal 2017 è inoltre titolare dello Studio Felsineo, Studio di Consulenza del Lavoro di Bologna.  

Si occupa principalmente di consulenza in materia di Diritto del Lavoro, Amministrazione del Personale, aziende del settore Edile e di Scuole Private.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *