Legge di Stabilità 2014: le novità più importanti per il lavoro

In con lo Studio Rag. Bortolotto, di seguito pubblichiamo una sintesi sulle novità introdotte dalla Legge di Stabilità 2014 in materia di lavoro.

 

Detrazioni IRPEF per lavoratori dipendenti ed assimilati

L’art. 13 del DPR n. 917/1986 ha subito alcune modificazioni. La detrazione base passa, per i lavoratori dipendenti ed assimilati da € 1.840 a € 1.880, con adeguamenti di altre detrazioni.

Riduzione dei premi INAIL

Dal 1° Gennaio 2014 è prevista la riduzione dei premi e contributi INAIL:

  • da stabilirsi con un decreto “concertato” tra Lavoro ed Economia, su proposta dell’Inail;
  • tenendo conto dell’andamento infortunistico aziendale.

Deduzione per incremento base occupazionale

Le imprese che incrementano la base occupazionale, rispetto all’anno precedente, con a tempo indeterminato, hanno diritto, a partire dal 1° gennaio 2014, ad una nuova deduzione IRAP.

L’importo deducibile, nel limite massimo di 15.000 euro a persona, spetta per l’anno di assunzione e per i due successivi. Il risparmio effettivo dell’IRAP è pari a 585 euro per tre anni.

Proroga della sanatoria per gli associati in partecipazione

Prorogato al 31 marzo 2014 la possibilità di sanare rapporti con  associati in partecipazione che presentano elementi tipici della subordinazione.

L’assunzione a tempo indeterminato può essere effettuata anche con rapporto di .

Trasformazione a tempo indeterminato dei contratti a termine

Dal 1° gennaio 2014 in caso di trasformazione a tempo indeterminato di contratto a termine, il datore di lavoro può recuperare  l’intero addizionale dell’1,40% complessivamente versato e non soltanto delle ultime sei mensilità.

Finanziamento ammortizzatori sociali

Sono stati finanziati per il 2014 alcuni ammortizzatori sociali nelle quantità sotto riportate:

a) Cassa integrazione guadagni e mobilità in deroga di cui all’art . 2, commi 64, 65 e 66, della legge n. 92/2012, 600 milioni di euro;

b) Contratti di solidarietà ex art. 5, commi 5 e 8 della legge n. 236/1993, 40 milioni di euro;

c) Cassa integrazione Guadagni per cessazione di attività prorogata a 24 mesi (legge n. 223/1991), 50 milioni di euro.

Aumento aliquote gestione separata

Le aliquote per il calcolo della contribuzione alla Gestione separata nell’anno 2014 sono le seguenti:

  Soggetti

Aliquote

non assicurati presso altre forme pensionistiche obbligatorie

28,72%

titolari di pensione o provvisti di altra tutela pensionistica obbligatoria

22,00%

titolari di partita IVA non iscritti ad altre forme pensionistiche

27,72% 

Autore dell'articolo: Dott. Paolo Casini

Si è laureato nel 2010 in Consulenza del Lavoro, presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Padova, con una tesi sulla pianificazione nella successione d’impresa.

Dal 2015 è abilitato all’esercizio della Professione di Consulente del Lavoro, collaborando con importanti Studi di Consulenza del Lavoro di Padova.

Nel 2016 ha conseguito un Master in Diritto del Lavoro e della Previdenza Sociale presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia e, sempre dallo stesso anno, collabora in qualità di autore con il portale FISCOeTASSE, per il quale realizza articoli di approfondimento legati a tematiche Giuslavoristiche.

Dal 2017 è inoltre titolare dello Studio Felsineo, Studio di Consulenza del Lavoro di Bologna.  

Si occupa principalmente di consulenza in materia di Diritto del Lavoro, Amministrazione del Personale, aziende del settore Edile e di Scuole Private.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *