Lavoro Intermittente illegittimo se vietato dal CCNL applicato

lavoro intermittenteIn materia di lavoro intermittente, ovvero il c.d. contratto a chiamata, il Ministero del Lavoro, con il parere n. 18194 del 4 ottobre 2016, interviene pronunciandosi nell’ipotesi in cui il CCNL applicato dall’Azienda vieti il ricorso a tale strumento.

In particolare, secondo il Ministero, l’utilizzo del contratto intermittente, laddove il CCNL stabilisca l’espresso divieto di utilizzare tale forma contrattuale in ragione della mancata individuazione delle ragioni e delle esigenze produttive che ne giustifichino l’applicazione, è da ritenersi illegittimo.

Il Ministero, ricordando che ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. n. 81/2015 il CCNL è chiamato ad individuare esigenze organizzative e produttive che permettono il ricorso al lavoro intermittente, riconosce che le parti sociali possono anche stabilire il divieto di utilizzo di questa forma contrattuale.
In tutti questi casi, però, a parere del Ministero del Lavoro rimane comunque la possibilità di ricorrere al lavoro intermittente, qualora sussistano i requisiti soggettivi, ovvero nel caso di lavoratore con età inferiore ai 24 anni o superiore ai 55 anni.

Alla luce di ciò, quindi, nel caso di accertamento della violazione del CCNL che prevede il divieto di ricorrere al contratto intermittente, e dove non sussistano i requisiti soggettivi in capo al lavoratore, il contratto con quest’ultimo sarà convertito in un rapporto di lavoro a tempo pieno ed indeterminato.

Autore dell'articolo: Dott. Paolo Casini

Si è laureato nel 2010 in Consulenza del Lavoro, presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Padova, con una tesi sulla pianificazione nella successione d’impresa.

Dal 2015 è abilitato all’esercizio della Professione di Consulente del Lavoro, collaborando con importanti Studi di Consulenza del Lavoro di Padova.

Nel 2016 ha conseguito un Master in Diritto del Lavoro e della Previdenza Sociale presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia e, sempre dallo stesso anno, collabora in qualità di autore con il portale FISCOeTASSE, per il quale realizza articoli di approfondimento legati a tematiche Giuslavoristiche.

Dal 2017 è inoltre titolare dello Studio Felsineo, Studio di Consulenza del Lavoro di Bologna.  

Si occupa principalmente di consulenza in materia di Diritto del Lavoro, Amministrazione del Personale, aziende del settore Edile e di Scuole Private.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *