Lavoratore non si presenta a lavoro per andare a messa: sanzione illegittima

chiesaLa Corte di ha statuito l’illegittimità dei provvedimenti disciplinari nei confronti del dipendente che si assenta dal lavoro in coincidenza del proprio turno domenicale per andare a messa, in ragione di un’iniziativa sindacale che prevede la possibilità di richiedere di non lavorare la domenica, recuperando l’assenza con la presenza al lavoro nei giorni di riposo.

Nello specifico la Suprema Corte, con la Sentenza n. 3416 del 22 febbraio 2016, ha sottolineato che, in virtù del diritto di astensione dal lavoro il giorno di domenica destinato alle pratiche religiose e dell’atteggiamento collaborativo del dipendente, recatosi al lavoro nei giorni di riposo, le sanzioni irrogate (mancata retribuzione per un giorno e sospensione) risultano sproporzionate.

Fonte: SEAC

Autore dell'articolo: Dott. Paolo Casini

Si è laureato nel 2010 in Consulenza del Lavoro, presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Padova, con una tesi sulla pianificazione nella successione d’impresa.

Dal 2015 è abilitato all’esercizio della Professione di Consulente del Lavoro, collaborando con importanti Studi di Consulenza del Lavoro di Padova.

Nel 2016 ha conseguito un Master in Diritto del Lavoro e della Previdenza Sociale presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia e, sempre dallo stesso anno, collabora in qualità di autore con il portale FISCOeTASSE, per il quale realizza articoli di approfondimento legati a tematiche Giuslavoristiche.

Dal 2017 è inoltre titolare dello Studio Felsineo, Studio di Consulenza del Lavoro di Bologna.  

Si occupa principalmente di consulenza in materia di Diritto del Lavoro, Amministrazione del Personale, aziende del settore Edile e di Scuole Private.

Lascia una commento

Lasciaci il tuo parere!

Rispondi

wpDiscuz