Infortunio di un giorno solo: obbligatoria la denuncia INAIL

Infortunio di un giorno soloDal 12 ottobre 2016 entra in vigore il nuovo regolamento del SINP, Sistema Informativo Nazionale per la Prevenzione, che porterà con sé l’obbligo di denunciare anche l’infortunio di un giorno solo.

Come noto, in base all’art. 53 del T.U. INAIL, l’obbligo di effettuare la denuncia telematica di infortunio sul lavoro è obbligatoria esclusivamente per gli con prognosi di assenza superiore a tre giorni, oltre a quello dell’evento.
Per gli eventi di infortunio di durata inferiore, l’obbligo di denuncia era stato sospeso e rinviato fino all’entrata in vigore del regolamento del SINP.
Più precisamente è previsto che, decorsi sei mesi dall’entrata in vigore del regolamento del SINP, scatterà l’obbligo di denunciare l’infortunio anche di durata inferiore a 3 giorni.

Pertanto, dal 12 aprile 2017 il datore di lavoro sarà tenuto a denunciare telematicamente all’INAIL anche l’infortunio di durata inferiore ai tre giorni, entro le 48 ore dalla ricezione del certificato medico, pena l’erogazione di una sanzione di importo variabile da € 548,00 ad € 1.972,80.

Autore dell'articolo: Dott. Paolo Casini

Si è laureato nel 2010 in Consulenza del Lavoro, presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Padova, con una tesi sulla pianificazione nella successione d’impresa.

Dal 2015 è abilitato all’esercizio della Professione di Consulente del Lavoro, collaborando con importanti Studi di Consulenza del Lavoro di Padova.

Nel 2016 ha conseguito un Master in Diritto del Lavoro e della Previdenza Sociale presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia e, sempre dallo stesso anno, collabora in qualità di autore con il portale FISCOeTASSE, per il quale realizza articoli di approfondimento legati a tematiche Giuslavoristiche.

Dal 2017 è inoltre titolare dello Studio Felsineo, Studio di Consulenza del Lavoro di Bologna.  

Si occupa principalmente di consulenza in materia di Diritto del Lavoro, Amministrazione del Personale, aziende del settore Edile e di Scuole Private.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *