Fondi di Solidarietà: recupero dei contributi versati per Apprendisti non professionalizzanti

recupero dei contributi versati per Apprendisti non professionalizzantiL’INPS, con messaggio n. 3112 del 18/07/2016, fa chiarezza in merito ai Fondi di Solidarietà ed in particolare fornisce le operative al fine dell’eventuale recupero dei contributi versati per Apprendisti non professionalizzanti.

A seguito dell’entrata in vigore del D. Lgs. n. 148/2015, l’ambito di applicazione dei fondi di solidarietà è stato radicalmente revisionato, introducendo apposite disposizioni con l’intento di disciplinare il concreto avvio di tali Fondi.
Come indicato nella INPS n. 30/2016, le prestazioni erogate dai Fondi di Solidarietà sono finanziate attraverso un ordinario, ripartito tra datore di lavoro e lavoratore, nella misura di due terzi ed un terzo.
Il Ministero del Lavoro, con nota prot. 8475 del 14/04/2016, ha precisato che, attraverso il D. Lgs. n. 148/2015 sono stati inoltre modificati i possibili beneficiari dei Fondi di Solidarietà, con l’inclusione anche degli Apprendisti con contratto di professionalizzante.

Viene quindi precisato che la contribuzione ordinaria per il finanziamento dei Fondi di Solidarietà è applicata esclusivamente alla categoria degli apprendisti con contratto di apprendistato professionalizzante.
Per le Aziende che avessero versato indebitamente la contribuzione ordinaria di finanziamento anche per i lavoratori apprendisti assunti con tipologie diverse di apprendistato, attraverso il in commento viene data la possibilità di procedere al recupero mensile dei finanziamento per i mesi da settembre 2015 a luglio 2016.
Tale recupero, come disposto dal dell’INPS con delibera n. 5 del 25/03/1993, potrà avvenire entro il giorno 16 del terzo mese successivo a quello di emanazione del messaggio in commento.

Autore dell'articolo: Dott. Paolo Casini

Si è laureato nel 2010 in Consulenza del Lavoro, presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Padova, con una tesi sulla pianificazione nella successione d’impresa.

Dal 2015 è abilitato all’esercizio della Professione di Consulente del Lavoro, collaborando con importanti Studi di Consulenza del Lavoro di Padova.

Nel 2016 ha conseguito un Master in Diritto del Lavoro e della Previdenza Sociale presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia e, sempre dallo stesso anno, collabora in qualità di autore con il portale FISCOeTASSE, per il quale realizza articoli di approfondimento legati a tematiche Giuslavoristiche.

Dal 2017 è inoltre titolare dello Studio Felsineo, Studio di Consulenza del Lavoro di Bologna.  

Si occupa principalmente di consulenza in materia di Diritto del Lavoro, Amministrazione del Personale, aziende del settore Edile e di Scuole Private.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *