Diritto del dipendente di sapere chi parla male di lui al datore di lavoro

Diritto del dipendente di sapere chi parla male di luiIl responsabile di un reparto che non si vede confermato nell’incarico a causa di segnalazioni a suo discapito inoltrate per mail, ha diritto ad accedere alle dette comunicazioni essendo prevalente la tutela della propria dignità professionale.

Il particolare caso è stato trattato dal Consiglio di Stato nella recente sentenza 1113/2015. La responsabile amministrativa di un ente a tutela della propria immagine professionale, inoltrava all’amministrazione d’appartenenza una istanza di accesso agli atti, avente ad oggetto segnalazioni pervenute al Consiglio d’amministrazione in occasione del rinnovo dell’incarico amministrativo.

Nel riscontrare la richiesta l’Ente forniva copia di una missiva che conteneva parte del testo di una e-mail indirizzata da un soggetto non indicato al Presidente dell’Ente stesso.

L’interessata, non soddisfatta della predetta risposta, presentava, a tutela della propria immagine professionale, una nuova domanda di accesso, volta al conseguimento della versione integrale della menzionata mail, col nominativo dell’estensore e degli altri atti correlati.

Dinanzi al diniego opposto in quanto “il nominativo dell’estensore della nota ….non veniva rilevato per esigenze di riservatezza” l’interessata si rivolgeva al TAR che accoglieva il ricorso. L’ente tuttavia ricorreva presso il Consiglio di Stato.

La questione posta all’esame della Sezione, quindi, attiene alla legittimità del rifiuto di accesso opposto dall’Istituto in relazione al contenuto di una email che un soggetto ha indirizzato al Presidente dell’Istituto al fine di segnalare alcuni episodi relativi all’attività lavorativa svolta dall’interessata.

L’art. 22, lettera d), della legge n. 241 del 1990 – hanno esordito i Giudici – prevede che per «documento amministrativo» si intende «ogni rappresentazione grafica, fotocinematografica, elettromagnetica o di qualunque altra specie del contenuto di atti, anche interni o non relativi ad uno specifico procedimento, detenuti da una pubblica amministrazione e concernenti attività di pubblico interesse, indipendentemente dalla natura pubblicistica o privatistica della loro disciplina sostanziale». L’art. 24, comma 7, della stessa legge dispone che «deve comunque essere garantito ai richiedenti l’accesso ai documenti amministrativi la cui conoscenza sia necessaria per curare o per difendere i propri interessi giuridici».

La norma aggiunge che nel caso di documenti contenenti dati sensibili e giudiziari, l’accesso è consentito nei limiti in cui sia strettamente indispensabile e, in presenza di situazioni giuridiche di pari rango, in caso di dati idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale. Nel caso di specie entrambe le norme sono state violate. In relazione alla natura di documento, il contenuto dell’e-mail non può ritenersi corrispondenza privata in quanto il Presidente ha provveduto a rendere edotti gli uffici dell’amministrazione dell’esistenza di tale informativa. Così facendo ha reso egli stesso di rilevanza pubblica il documento.

Non è un caso che la parte privata è venuta a conoscenza dell’esistenza dell’e-mail perché il responsabile del procedimento, nell’atto di diniego dell’accesso, ha fatto ad essa riferimento . Si trattava dunque di un documento ormai detenuto dall’amministrazione. La tesi dell’appellante sarebbe stata corretta se il Presidente avesse mantenuto in “forma privata” la corrispondenza ricevuta, assegnandole valenza non rilevante ai fini dell’attività istituzionale dell’ente.

In definitiva, deve ritenersi che, per le ragioni esposte, la particolarità della fattispecie concreta assegna valenza di documento all’e-mail inviata al Presidente dell’Istituto. In relazione alla esigenza di tutela della riservatezza dell’autore dell’e-mail, la parte appellata ha dimostrato che la conoscenza del suo contenuto e del nome del mittente è necessaria ai fini sia della difesa nell’ambito del giudizio relativo al conferimento dell’incarico sia, soprattutto, per potere agire in giudizio ai fini della tutela del proprio onore e della propria reputazione professionale. Ne è conseguito il rigetto del ricorso proposto dall’Istituto.

 

Fonte: ANCLSU

 

Autore dell'articolo: Dott. Paolo Casini

Si è laureato nel 2010 in Consulenza del Lavoro, presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Padova, con una tesi sulla pianificazione nella successione d’impresa.

Dal 2015 è abilitato all’esercizio della Professione di Consulente del Lavoro, collaborando con importanti Studi di Consulenza del Lavoro di Padova.

Nel 2016 ha conseguito un Master in Diritto del Lavoro e della Previdenza Sociale presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia e, sempre dallo stesso anno, collabora in qualità di autore con il portale FISCOeTASSE, per il quale realizza articoli di approfondimento legati a tematiche Giuslavoristiche.

Dal 2017 è inoltre titolare dello Studio Felsineo, Studio di Consulenza del Lavoro di Bologna.  

Si occupa principalmente di consulenza in materia di Diritto del Lavoro, Amministrazione del Personale, aziende del settore Edile e di Scuole Private.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *