Dimissioni telematiche: primi chiarimenti del Ministero del Lavoro

ministero-lavoroCon n. 12 del 4 marzo 2016, il Ministero del Lavoro interviene per fornire i primi chiarimenti in riferimento alla nuova procedura telematica per la delle e delle risoluzioni consensuali, che sarà operativa dal 12 marzo 2016.

Illustrando le finalità e l’ambito di applicazione della procedura, il Ministero chiarisce che detta procedura si applica a tutti i lavoratori subordinati del settore privato, escludendo quindi il personale del Pubblico Impiego.

Inoltre, il Ministero elenca i casi di esclusione dalla procedura telematica:

  • rapporti di lavoro domestico;
  • recessi avvenuti nelle cc.dd. sedi protette;
  • recessi durante il ;
  • dimissioni o risoluzioni consensuali presentate dalla lavoratrice nel periodo di gravidanza o dalla lavoratrice / lavoratore nei primi 3 anni di vita del bambino;
  • rapporti di lavoro marittimo.

Il Ministero, infine, comunica che è stato creato un indirizzo e-mail per l’inoltro di quesiti in merito alla procedura telematica: dimissionivolontarie@lavoro.gov.it

LEGGI LA CIRCOLARE

 

Autore dell'articolo: Dott. Paolo Casini

Si è laureato nel 2010 in Consulenza del Lavoro, presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Padova, con una tesi sulla pianificazione nella successione d’impresa.

Dal 2015 è abilitato all’esercizio della Professione di Consulente del Lavoro, collaborando con importanti Studi di Consulenza del Lavoro di Padova.

Nel 2016 ha conseguito un Master in Diritto del Lavoro e della Previdenza Sociale presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia e, sempre dallo stesso anno, collabora in qualità di autore con il portale FISCOeTASSE, per il quale realizza articoli di approfondimento legati a tematiche Giuslavoristiche.

Dal 2017 è inoltre titolare dello Studio Felsineo, Studio di Consulenza del Lavoro di Bologna.  

Si occupa principalmente di consulenza in materia di Diritto del Lavoro, Amministrazione del Personale, aziende del settore Edile e di Scuole Private.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *