Come poter operare con Entratel (un piccolo aiuto per i professionisti)

Sei un sostituto d’imposta, un commercialista, un consulente del lavoro o, comunque, un professionista in campo fiscale?

Per poter effettuare la maggior parte delle operazioni caratteristiche del tuo lavoro, come pagamento e trasmissione di modelli F24, dichiarazioni dei redditi, liquidazioni, comunicazioni, operazioni su partite Iva, visure, etc., accessibili dal sito dell’Agenzia delle Entrate, devi essere abilitato come utente Entratel.
Ottenere questa abilitazione, e configurare correttamente la propria postazione di lavoro, è un’operazione lunga e complessa, per la quale FAQ e manuali presenti nel sito delle Entrate non sono sufficienti ed esaurienti, oltre a risultare di non semplice comprensione.
Grazie alla mia guida, completa e veritiera poiché anch’io, poco tempo fa, come consulente del lavoro, ho dovuto affrontare lo stesso iter, riuscirai ad eseguire, passo dopo passo, tutte le operazioni necessarie.

– Innanzitutto, per poter ottenere l’abilitazione come utente Entratel (se ne hai i requisiti, ovviamente), devi effettuare la richiesta di preiscrizione sul sito http://www.agenziaentrate.gov.it/ ; compila il form di preiscrizione, in tutti i campi richiesti (le presenti sul sito, almeno in questa fase, sono abbastanza semplici e complete), poi stampa , sia la “Conferma di pre-iscrizione” , che l’”allegato per ufficio”. Inoltre, stampa e compila la domanda di abilitazione ai servizi Entratel.
Fai attenzione: dovrai custodire riservatamente il documento di conferma, contenente il codice di pre-iscrizione, mentre dovrai esibire all’ufficio locale dell’Agenzia delle Entrate l’apposito allegato e la domanda di abilitazione.

– Entro 30 giorni, dovrai presentarti presso un ufficio locale dell’Agenzia delle Entrate, poiché l’accreditamento deve essere effettuato di persona , tramite un funzionario: date le interminabili file, costantemente presenti, ti consiglio di prenotare un appuntamento, operazione effettuabile sia dal sito web istituzionale, che tramite il numero 848.800.444.
Una volta davanti al funzionario (ricordati di portare con te , oltre all’allegato ed alla domanda per l’abilitazione, un documento d’identità, il codice fiscale ed il numero di partita iva), questi, dopo averti fatto firmare la convenzione con l’Agenzia delle Entrate, ti consegnerà i fogli contenenti alcuni codici per l’attivazione del servizio, nonché le istruzioni per il PRIMO ACCESSO.

– Adesso, sul sito dell’Agenzia, mediante la funzione PRIMO ACCESSO (http://telematici.agenziaentrate.gov.it/) , seguendo le istruzioni, e fornendo il numero della busta consegnata dal funzionario, potrai prelevare i dati utili per l’attivazione del servizio.

Tramite quest’operazione, potrai stampare un nuovo foglio, che conterrà:
– nella Sezione I, il nome utente e la password, da utilizzare solo qualora si desideri configurare il proprio pc per la connessione alla rete privata virtuale del servizio Entratel (connessione isdn);
– nella Sezione II, un’altra ID ed un’altra password, per accedere al servizio tramite sito web;
– nella Sezione III, un pincode, da utilizzare, in seguito, per la generazione dell’ambiente di sicurezza.

– Ora, utilizzando i codici della Sezione II, potrai già accedere ad alcuni servizi Entratel online, come visure e consultazioni; prima di procedere all’installazione , nel tuo computer, dell’applicazione Entratel, necessaria per la maggior parte delle operazioni da effettuare (richieste, comunicazioni, trasmissione di modelli, dichiarazioni…), devi prima installare una versione aggiornata della Java Virtual Machine : potrai eseguire il download direttamente dal sito dell’Agenzia.
In seguito, seguendo le istruzioni, dovrai installare i certificati , necessari per verificare determinati software e file, scaricabili , sempre , dall’area utente Entratel.

– Verificata la corretta installazione di Java e dei certificati, potrai procedere a scaricare ed installare il software Entratel, operazione un po’ lunga, data la grandezza del programma.
Una volta installato, per poterlo utilizzare correttamente, è necessario configurare l’ambiente di sicurezza. Prima della configurazione, tuttavia, dovraiprocurarti una chiave usb, formattarla, e creare, all’interno, una cartella vuota, da denominare come vuoi (ti consiglio di chiamarla CHIAVE, per semplicità).

Adesso, nella home page del programma, devi andare alla voce” OPERAZIONI”, poi cliccare su “OPZIONI”, ed infine su “SISTEMA”; qui, dovrai modificare il percorso del supporto, da “A:”, quello di default, al percorso reale in cui risulta la tua cartella CHIAVE. Ad esempio, se la tua CHIAVE risulta sul percorso” E:” , digiterai : “ E://CHIAVE”. Si tratta del passaggio più ostico, soltanto perché non è descritto né nel manuale, né all’interno del sito dell’assistenza. Qualora ti trovassi in una situazione di stallo, ti consiglio di telefonare al numero di assistenza Entrate, 848.836.526, poiché talune procedure, seppure di vitale importanza, non sono descritte né nel manuale, né nel sito dell’assistenza (http://assistenza.finanze.it/)

Dopo, cliccando su “sicurezza-generazione ambiente di sicurezza”, devi seguire , “step by step” , le istruzioni riportate dal programma: ti verrà chiesto di inserire il codice pin, presente nella Sezione III dei fogli stampati, di inserire un codice di revoca, ed una password a tua scelta. Dopo questi passaggi, il sistema creerà, nella tua penna usb (che dovrai inserire quando il software te lo domanderà), una chiave cifrata.

In seguito, se vorrai, potrai configurare un’altra chiave come copia, da utilizzare in caso di smarrimento.
Terminata la configurazione dell’ambiente di sicurezza, potrai finalmente utilizzare il programma Entratel per verificare e trasmettere i file elaborati con i software dell’Agenzia delle Entrate.
Ricorda che, ad ogni utilizzo, dovrai inserire la tua penna usb utilizzata come chiave cifrata.

Dott.ssa
Consulente del Lavoro

Autore dell'articolo: Dott. Paolo Casini

Si è laureato nel 2010 in Consulenza del Lavoro, presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Padova, con una tesi sulla pianificazione nella successione d’impresa.

Dal 2015 è abilitato all’esercizio della Professione di Consulente del Lavoro, collaborando con importanti Studi di Consulenza del Lavoro di Padova.

Nel 2016 ha conseguito un Master in Diritto del Lavoro e della Previdenza Sociale presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia e, sempre dallo stesso anno, collabora in qualità di autore con il portale FISCOeTASSE, per il quale realizza articoli di approfondimento legati a tematiche Giuslavoristiche.

Dal 2017 è inoltre titolare dello Studio Felsineo, Studio di Consulenza del Lavoro di Bologna.  

Si occupa principalmente di consulenza in materia di Diritto del Lavoro, Amministrazione del Personale, aziende del settore Edile e di Scuole Private.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *