Certificazione Unica – CU2015: online il modello con le istruzioni

La bozza del modello “Certificazione unica” (CU 2015), relativo al periodo d’imposta 2014, che dal prossimo anno sostituirà il vecchio modello Cud, arricchita di dati e con l’ambito dei destinatari ampliati, è disponibile in rete, completa ora con le sue e le specifiche tecniche di compilazione.

Il nuovo modello di dichiarazione, propedeutico alla compilazione della maggior parte delle dichiarazioni fiscali, costituisce il primo passo verso l’ambizioso progetto della “dichiarazione precompilata”.

Destinatari

Oltre ai tradizionali destinatari del Cud – lavoratori dipendenti e percettori di redditi assimilati a quelli di – la nuova Certificazione Unica, infatti, riguarderà anche i redditi erogati ai lavoratori autonomi (professionisti), ai percettori di provvigioni comunque denominate e ai percettori di redditi diversi soggetti a ritenuta, a titolo d’acconto o d’imposta.

Il nuovo modello includerà poi sezioni anche per i dati dei familiari del dipendente o pensionato, per i quali sono state riconosciute le detrazioni per carichi di famiglia, e quelli dei professionisti. Per i familiari a carico, il modello CU 2015 si arricchisce di una tabella che include tutti i dati che sono serviti per l’attribuzione delle relative detrazioni, mentre nella sezione dedicata ai professionisti vanno indicati il totale delle somme loro corrisposte, l’importo non soggetto a ritenuta, le spese rimborsate, l’imponibile e le ritenute di anni precedenti oltre ai contributi previdenziali.

L’aggiunta dei nuovi soggetti e dei nuovi dati è stata fatta in vista proprio della concretizzazione dell’operazione “dichiarazione precompilata”, che, a partire dal nuovo anno, dovrebbe vedere circa 20 milioni di contribuenti alle prese con il 730 precompilato.

Sostituti d’imposta

Una novità riguarda anche i sostituti d’imposta. Questi, infatti, saranno tenuti non solo a consegnare la Certificazione Unica 2015 ai percettori, inviando il riepilogo dei redditi 2014 ai loro sostituiti entro il prossimo 28 febbraio, ma dovranno anche trasmettere i dati all’Agenzia delle Entrate, esclusivamente in via telematica, entro 9 marzo 2015 (la scadenza fissata del 7 marzo cade di sabato).

Se nel corso del 2014 sono state effettuate operazioni straordinarie che hanno determinato il passaggio di personale dipendente da un sostituto d’imposta all’altro, sarà unicamente cura del nuovo sostituto inviare la , evidenziando separatamente le somme corrisposte dal primo sostituto d’imposta.

Modelli in bozza

 

 

Fonte:

Autore dell'articolo: Dott. Paolo Casini

Si è laureato nel 2010 in Consulenza del Lavoro, presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Padova, con una tesi sulla pianificazione nella successione d’impresa.

Dal 2015 è abilitato all’esercizio della Professione di Consulente del Lavoro, collaborando con importanti Studi di Consulenza del Lavoro di Padova.

Nel 2016 ha conseguito un Master in Diritto del Lavoro e della Previdenza Sociale presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia e, sempre dallo stesso anno, collabora in qualità di autore con il portale FISCOeTASSE, per il quale realizza articoli di approfondimento legati a tematiche Giuslavoristiche.

Dal 2017 è inoltre titolare dello Studio Felsineo, Studio di Consulenza del Lavoro di Bologna.  

Si occupa principalmente di consulenza in materia di Diritto del Lavoro, Amministrazione del Personale, aziende del settore Edile e di Scuole Private.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *